Leader Mondiale nella Formazione Internazionale

Isole di Malta

Le isole Calipsee, o dell’arcipelago di Malta, prendono il nome da Calipso, la ninfa figlia di Atlantide che nell’Odissea tenne prigioniero qui per ben sette anni il recalcitrante Ulisse, smanioso di rimettersi in viaggio. Nel racconto omerico, l’isola che ospita l’eroe itacense è chiamata Ogigia, ed è presumibilmente la Gozo della geografia reale, la seconda isola dell’arcipelago sulla quale infatti si può visitare la grotta di Calipso, nella bellissima baia di Ramla.

Situata a 90 km dalle coste sudorientali della Sicilia, proprio tra la Tunisia, la Libia e Lampedusa, Malta si può davvero considerare il cuore del Mediterraneo e la continuazione in senso geofisico e ideale del territorio italiano. L’arcipelago si compone dell’isola maggiore, Malta, e da Gozo, Comino, la piccola Cominotto e gli scogli minori di St. Paul’s e Filfola.

Il nome Malta deriva molto probabilmente dal greco Melita, che significa “dolcezza di miele”, e potrebbe trovare ragione nella grande quantità di api e produzione di miele praticata da sempre sull’isola, ma anche nel clima sempre temperato che la contraddistingue. Sono interessanti anche le teorie secondo le quali il nome potrebbe derivare invece dal fenicio Maleth, col significato di “paradiso”.
Nell’arcipelago si parlano maltese, una lingua del gruppo semitico, e inglese come lingue ufficiali, l’italiano è compreso da tutti grazie alla vicinanza con il nostro paese, la presenza della televisione italiana e i collegamenti diretti con i nostri porti e areoporti.

La maggior parte dei maltesi è di religione cattolica e l'influenza della Chiesa è fortissima, però circa il 20% della popolazione è attiva in qualche gruppo o movimento ecclesiale diverso da quello cattolico come i membri del Cammino Neocatecumenale. Ci sono religioni con percentuali minori, tra cui testimoni di Geova, musulmani e altre chiese protestanti, come la Chiesa Anglicana di influenza anglosassone.

Con la sua superficie di 246 km², Malta è l’isola più grande e ospita La Valletta, capitale dello stato fondato nel 1974, la Repubblica di Malta. Su Malta si trova anche la città più estesa e popolata dell’isola, Qormi. La densità di popolazione di Malta è la maggiore d’Europa, 1300 abitanti per km², ed aumenta ancora nei periodi di maggiore afflusso turistico.   

Ben collegata con Malta attraverso un fitto orario di passaggi navali, Gozo è l’isola prediletta da chi ama l’ambiente rilassante di un paradiso del Mediterraneo dalla natura incontaminata e dalle acque cristalline. Il paesaggio di Gozo è più rurale di quello di Malta, e caratterizzato dalle linee dolci delle sue verdi collline. I suoi abitanti, conosciuti come gozitani, sono circa 30.000, per la maggiorparte concentrati nella città di Victoria e Rabat.
L’isola è conosciuta per i suoi molti luoghi di interesse naturale, storico e artistico: oltre alla grotta di Calipso vi si trovano i templi di epoca neolitica di Gantija, che costituiscono alcune tra le più antiche forme conosciute al mondo di strutture architettonice a se’ stanti.  Un’altra atttrattiva è costituita dalla settimana di carnevale, che attira tantissimi visitatori verso la piccola città di Nadur.

Comino si trova tra le isole di Malta e Gozo, è caratterizzata dalle sue bianche coste frastagliate di roccia calcarea, e dalla superifcie mossa e brulla, sulla quale si trovano solo alcune costruzioni. Oggi pressocché disabitata, ha visto in epoca romana alcuni insediamenti di pastori e agricoltori, e durante il governo dei Cavalieri di Malta è stata utizzata come riserva di caccia e provvigione. Sull’origine del suo nome, si ripropone di nuovo l’intrigo di lingue maltesi, e Comino potrebbe forse derivare dal maltese kemmuna, nome della pianta di finocchio selvatico che cresce abbondante sull’isola, ma forse anche dall’arabo kimeni, che signifca attiguo, vicino, e potrebbe essere riferito alla prossimità dell’isola di Malta.

La costruzione più importante e visibile di Comino è la St. Mary’s tower, una massiccia torre a base quadra con tre torrette angolari e pareti molto spesse. Venne costruita per l‘ordine dei cavalieri di Malta come torre di avvistmanento e di controllo delle coste maltesi ed è stata la suggestiva prigione di Edmond Dantès nel film Il Conte di Montecristo nel 2002 di Kevin Reynolds.    

L’isolotto, o scoglio, di Cominotto, è noto soprattutto per ospitare la bellissima laguna blu, meta ambita per tantissimi subacquei e amanti della natura durante tutta la stagione estiva e per le acque cristalline che la separano da Comino. 

Filfola e Filfoletta sono gli scogli più a sud dell’arcipelago di Malta. Il nome sembra derivare  Filfel, “pepe” in arabo. La loro piccola superficie è probabilmente stata ulteriormente ridotta da un terremoto accaduto nel 1856 che distrusse anche l’unica costruzione conosciuta dell’isola, una piccola cappella medievale. Oggi questi due isolotti sono una riserva naturale e l’accesso è limitato a biologi marini e della fauna.