Medio Oriente

Media EF EPI: 441 Popolazione: 411.788.402 RNL pro capite: $23,167.99

Pronti al cambiamento

Una volta all'avanguardia nella scienza, nella letteratura e nel commercio, le culture del Medio Oriente oggi ricoprono un ruolo più marginale nei settori dell'economia e della ricerca. Tuttavia, potrebbe verificarsi un cambiamento.

Una volta all'avanguardia nella scienza, nella letteratura e nel commercio, le culture del Medio Oriente oggi ricoprono un ruolo più marginale nei settori dell'economia e della ricerca. Tuttavia, potrebbe verificarsi un cambiamento.

Opportunità della gioventù

Negli ultimi due decenni, gli Stati del Golfo hanno trasformato i propri sistemi di istruzione superiore. Tra le altre riforme, i leader dei governi hanno allentato i monopoli delle università pubbliche, supportando gli istituti privati che importano accademici di formazione occidentale e offrono corsi in inglese. Inoltre, i funzionari degli Emirati Arabi Uniti e del Qatar hanno invitato le migliori università occidentali a istituire dei campus satelliti nei loro Paesi. Questa competizione ha spinto le università pubbliche a riformare e occidentalizzare i propri programmi di insegnamento e a passare all'inglese per alcuni corsi di laurea.

#66 di 100 paesi o regioni Emirati Arabi Uniti

Competenza: Basso
Punteggio EF EPI: 472,00

Vedi profilo
#72 di 100 paesi o regioni Giordania

Competenza: Basso
Punteggio EF EPI: 456,00

Vedi profilo
#71 di 100 paesi o regioni Qatar

Competenza: Basso
Punteggio EF EPI: 459,00

Vedi profilo

Risultati deludenti

Sfortunatamente, i progressi nell'insegnamento delle abilità di base ai bambini in età scolare sono stati più lenti e molti Paesi sono stati costretti a creare programmi per aiutare gli studenti nella transizione dalla scuola secondaria all'università. I tassi di alfabetizzazione sono aumentati rapidamente in tutta la regione, ma negli ultimi test PISA i quindicenni dei tre Paesi mediorientali partecipanti (Giordania, Qatar ed Emirati Arabi Uniti) hanno ottenuto il punteggio più basso riguardo a lettura, matematica e scienze. Nei più recenti test TIMSS di matematica e scienze per gli studenti delle scuole elementari, otto degli 11 Paesi con il punteggio più basso al mondo risultano in Medio Oriente. I nostri dati confermano la situazione: il livello linguistico della regione è di gran lunga il più basso di qualsiasi altra regione al mondo.

In un certo senso, è sorprendente che il livello di conoscenza dell'inglese non sia più alto. Il Medio Oriente è vario; nella maggior parte dei Paesi della regione oltre il 30% della popolazione è nata all'estero. Sebbene una parte di quegli immigrati parli arabo quando arrivano, molti non lo fanno. Inoltre, quasi un milione di studenti, circa il 20% della popolazione totale di studenti delle scuole internazionali di tutto il mondo, sono iscritti a scuole private primarie e secondarie in inglese negli Emirati Arabi Uniti e in Arabia Saudita. In molti istituti di istruzione superiore negli Stati del Golfo, alcuni o tutti i corsi vengono insegnati in inglese e, grazie alle borse di studio finanziate dal governo, oltre 200.000 studenti universitari si sono trasferiti negli Stati Uniti o nel Regno Unito per conseguire una laurea. Ciò nonostante, il livello medio di conoscenza dell'inglese nella regione rimane basso.

Le sfide future

In alcuni Paesi, il problema sembra essere l’accesso disomogeneo alle risorse per l’insegnamento dell’inglese. I nostri dati evidenziano che Dubai, ad esempio, ha livelli di conoscenza dell’inglese molto più alti rispetto al valore globale del Paesi nel suo complesso. La popolazione dell’Arabia Saudita è distribuita su un territorio vasto e sviluppato in modo disomogeneo, con diversi livelli di accesso all’insegnamento dell’inglese nelle scuole. Collocare insegnanti di inglese qualificati in ogni scuola è certamente difficile, in particolare quando il numero di adulti che parlano inglese è così basso, ma altri grandi Paesi come la Cina hanno affrontato lo stesso problema. Assumere insegnanti dall’estero è la soluzione preferita da molte scuole private e università in Medio Oriente, eppure costruire una classe professionale locale di insegnanti che parlino inglese sarebbe una soluzione più sostenibile.

In altri Paesi, l’arrivo di un gran numero di rifugiati ha messo sotto pressione il sistema educativo, reindirizzando le risorse verso la fornitura di servizi di base. Più di un milione di afgani vivono in Iran e oltre due milioni di palestinesi e un milione di siriani vivono in Giordania, un Paese con meno di 10 milioni di abitanti.

Economie fragili, conflitti persistenti ed eccessiva dipendenza dall’occupazione nel settore pubblico sono tra le sfide che i Paesi mediorientali devono affrontare per dotare le loro giovani popolazioni delle competenze richieste sul mercato del lavoro globale. Soddisfare queste sfide potrebbe avere un effetto di trasformazione sulla regione e il miglioramento dello scarso livello di conoscenza dell’inglese sarà una parte fondamentale di questa transizione. Resta da vedere se questo passaggio potrà avvenire senza intoppi, tra tensioni regionali e un mercato energetico globale in evoluzione.

Divario di Genere (%)

Divario Generazionale

  • Media

Altre regioni

Europa

Le competenze in inglese continuano a rimanere arretrate nei Paesi ai margini del continente europeo.

Vedi profilo

Asia

Persino i Paesi più ricchi dell'Asia sono in ritardo rispetto all'Europa nel finanziamento dell'educazione degli adulti all'esterno del posto di lavoro.

Vedi profilo

America Latina

Dopo anni di immobilità, i piani per migliorare il livello di conoscenza dell'inglese in America Latina si stanno realizzando.

Vedi profilo

Africa

Un livello migliore di conoscenza dell'inglese aiuterebbe gli investitori stranieri e i loro partner africani a fornire contratti più trasparenti e una cooperazione più efficace.

Vedi profilo