Le ultime notizie su viaggi, lingue e cultura da EF Education First
Menu

5 ragioni per cui l’inglese americano e l’inglese britannico suonano così diversi

5

Potremmo condividere una lingua, ma non c’è niente di simile quando si tratta di sentire qualcuno degli Stati Uniti parlare con qualcuno del Regno Unito. Dal mettere una z ovunque, alle parole che sono scritte allo stesso modo ma hanno una pronuncia completamente diversa – c’è un intero oceano di differenze linguistiche (più un vero e prorpio oceano ne mezzo) tra i due principali giocatori della lingua inglese nel mondo. Ma non temere! Se stai imparando l’inglese a Londra e vuoi sapere cosa rende il tuo accento diverso da quello del tuo amico che studia a New York, ecco cosa devi sapere.

1. L’inglese americano è in realtà più vecchio

Questo non è qualcosa che dovresti dire a una persona britannica, perché siamo il Paese che ha dato vita all’America come la conosciamo oggi, ma questo fatto è reale. Quando i primi coloni salparono dall’Inghilterra all’America, portarono con sé la lingua comune dell’epoca, che si basava su qualcosa chiamato discorso rotico (quando si pronuncia il suono r in una parola). Nel frattempo, nelle ricche città meridionali del Regno Unito, le persone delle nuove classi superiori volevano un modo per distinguersi da tutti gli altri, quindi hanno iniziato a cambiare il loro discorso rotico con un suono r morbido, dicendo parole come inverno come “win-tuh” invece di “win-terr”. Naturalmente, queste persone erano eleganti e tutti volevano copiarle, quindi questo nuovo modo di parlare – che i britannici ora chiamano Received Pronunciation – si diffuse nel resto del sud dell’Inghilterra. Spiega anche perché molti luoghi al di fuori del sud dell’Inghilterra hanno ancora la pronuncia rotica come parte dei loro accenti regionali. Fondamentalmente, se parli inglese di Londra, sembri più elegante. Hai vinto.

2. L’inglese britannico è più simile al francese

Il francese ha influenzato l’inglese in più modi di quanto gli anglofoni vorrebbero ammettere. La prima volta fu quando Guglielmo il Conquistatore invase la Gran Bretagna nell’XI secolo (più sulla storia della lingua inglese qui), portando con sé il francese normanno e rendendolo la lingua alta, usata nelle scuole, nei tribunali, nelle università e nelle classi superiori. Non è rimasto in circolazione, ma si è invece evoluto nell’inglese medio, che era un mashup di tutte le influenze linguistiche in circolazione all’epoca. La seconda volta è stata durante il 1700, quando nel Regno Unito è diventato super trendy usare parole e ortografia in stile francese. Naturalmente, gli americani stavano già vivendo la loro vita oltre l’Atlantico e non prendevano affatto parte a questa tendenza. Questo è il motivo per cui l’inglese britannico ha più somiglianze linguistiche con il francese che con l’inglese americano e spiega anche la nostra ossessione per i croissant.

3. L’ortografia americana è stata inventata come forma di protesta

I dizionari americani e britannici sono molto diversi, perché sono stati compilati da due autori diversi con due punti di vista altrettanto diversi sulla lingua: il dizionario del Regno Unito è stato compilato da studiosi di Londra (non di Oxford, per qualche strana ragione) che volevano solo raccogliere tutte le parole inglesi conosciute, mentre quella americana è stata fatta da un lessicografo chiamato Noah Webster. Webster voleva che l’ortografia americana non solo fosse più semplice, ma diversa dall’ortografia britannica, un modo in cui l’America mostrava la sua indipendenza dall’ex dominio britannico. Ha lasciato cadere la lettera u da parole come colour e honour – che si erano sviluppate dall’influenza francese in Inghilterra – per farle invece color e honor. Fece lo stesso con le parole che finiscono in -ise per renderle -ize, perché pensava che l’ortografia dell’inglese americano dovesse riflettere il modo in cui veniva pronunciata. Inoltre, z è una lettera molto più cool da scrivere.

4. All’inglese americano piace lasciar cadere completamente le parole

A volte ci sono differenze nell’inglese americano che non hanno senso per chi parla l’inglese britannico, come quando gli americani rimuovono interi verbi da una frase. Quando un americano dice a qualcuno che gli scriverà una lettera, dice “I’ll write them”. Quando chiedi a un americano se vuole fare shopping, potrebbe dire “I could”. Nel Regno Unito queste risposte suonerebbero davvero strane, e diremmo “I’ll write to you” e “I could go”. Eliminare il verbo potrebbe essere perché gli americani vogliono dire le cose più velocemente – o forse è perché agli inglesi piace solo sillabare esattamente quello che stanno dicendo. Nessuno ha ragione, ma se dovessimo dichiarare un vincitore sarebbe l’inglese britannico, perché francamente il modo americano non ha senso. Non che io sia di parte.

5. I due tipi di inglese hanno preso in prestito parole da lingue diverse

È chiaro che l’inglese britannico e americano si sono evoluti in modo diverso se si considerano le influenze culturali di ciascuno e il modo in cui hanno preso in prestito parole da quelle lingue. Per qualche ragione questo è molto comune con le parole riguardanti il cibo: gli esempi includono coriander (britannico, derivato dal francese) e cilantro (americano, derivato dallo spagnolo), e aubergine (britannico, derivato dall’arabo) e eggplant (americano, così chiamata perché sembra un uovo viola). Ci sono molti altri esempi, ma la cosa importante da ricordare è farlo nella maniera corretta nel paese in cui stai studiando. Dopotutto, non vorrai chiedere ai britannici un foglio di alluminio e pronunciarlo aloo-minnum. Non ci proviamo nemmeno!

 

Impara l'inglese con noiScopri di più

Vuoi studiare una lingua all'estero? Ordina un catalogo gratuito

Maggiori dettagli