Le ultime notizie su viaggi, lingue e cultura da EF Education First
Menu

Vuoi lavorare all’estero? Ecco 12 cose che dovresti sapere

Vuoi

Lavorare all’estero non è solo un’esperienza sensazionale, ma può anche dare il via alla tua carriera internazionale e aprirti le porte a nuove opportunità in tutto il mondo. Le tue abilità linguistiche e interculturali ne beneficieranno, e arricchirai anche le tue competenze trasversali. In breve: se hai l’opportunità di andare a lavorare all’estero, fallo! Per aiutarti a prepararti, abbiamo raccolto alcune cose da tenere in considerazione, questioni su cui fare ricerca e domande da porre (a te stesso).

1. Impara ogni dettaglio su visti e permessi di lavoro

Non importa quanto pianifichi e organizzi, il tuo sogno di lavorare all’estero dipenderà in ultima analisi dall’ottenimento di un visto o di un permesso di lavoro. Pertanto, scopri quali sono i documenti di cui avrai bisogno per poter lavorare legalmente in un altro Paese e cosa dovrai fare per ottenere questi documenti. Ricorda che l’ottenimento di un visto o di un permesso potrebbe richiedere tempo e denaro. Inoltre, dovrai informarti su quanto tempo potrai rimanere nel Paese con tali documenti: potrai rimanere nel Paese indipendentemente dallo svolgimento di un’attività lavorativa o la tua permanenza è subordinata a un contratto di lavoro?

2. Confronta il costo della vita al tuo stipendio

Un altro punto fondamentale nella lista delle cose importanti da considerare: i soldi. Potresti non sapere esattamente quanti soldi guadagnerai ogni mese, ma devi conoscere qual è la media del settore e confrontarla con il costo della vita in loco. Fondamentalmente, dovrai capire quanti soldi ti restano una volta pagati tutti i costi mensili (affitto, bollette, tasse, ecc.). Ricorda che poche cose sono deprimenti quanto vivere in un posto fantastico e non potersi permettere nulla!

3. Individua le modalità migliori per trovare un lavoro e un alloggio

Se hai già un’idea precisa della città in cui vorresti trasferirti, prova a capire quanto sarà facile trovare un lavoro e un posto in cui vivere. Come le persone si spostano e in che modo questo influisce sul budget a tua disposizione? (Le cose potrebbero essere più semplici se sai già di volerti trasferire in un determinato Paese e sei più flessibile sull’aspetto lavorativo, ma dovrai in ogni caso essere in grado di trovare un lavoro e un tetto sotto al quale vivere).

4. Considera quanto tempo libero avrai a disposizione

Uno dei motivi per cui ti vuoi trasferire all’estero è probabilmente il desiderio di entrare in contatto con una nuova cultura. Per farlo, avrai bisogno di tempo. Potrebbe non sembrare un aspetto molto importante all’inizio, ma cerca di informarti su quanti giorni di ferie (e di malattia) avrai a disposizione, perchè questo può variare notevolmente da Paese a Paese. Assicurati di avere il tempo (e il denaro) per esplorare i dintorni e per tornare a casa a far visita alla tua famiglia di tanto in tanto.

5. Inizia a costruirti un network

Avere un network di appoggio in un altro Paese è fondamentale. Fortunatamente non dovrai recarti lì fisicamente per fare conversazione con chiunque: usa i social media per trovare le persone dl tuo settore e connetterti con loro. Non avere paura di chiedere aiuto e consigli. Partecipa attivamente alle conversazioni su Twitter e LinkedIn, unisciti a gruppi o forum, confrontati con espatriati e gente del posto.

6. Conosci il tuo Paese di destinazione e la sua cultura

Quando sei in vacanza, si sa, tutto è meraviglioso. Ricorda, però, che vivere effettivamente in un paese sarà un po’ diverso: ci saranno bollette da pagare, problemi burocratici, autobus in ritardo. Potresti anche vivere un po’ più lontano dalla spiaggia di quanto immaginassi. Ora, non stiamo dicendo che tutto andrà peggio delle tue aspettative, ma sii realistico e sforzati di non immaginare il tuo periodo di lavoro all’estero come una vacanza. Una buona idea è visitare la tua futura casa prima di trasferirti e chiedere a te stesso se potresti viverci davvero. Approfitta di questo momento per incontrare potenziali datori di lavoro (anche se è solo per fare rete), perlustrare i quartieri e parlare con la gente del posto riguardo al mercato del lavoro e alle condizioni di vita.

7. Impara a trovare lavoro dalla gente del posto

Culture diverse hanno approcci diversi alla ricerca del lavoro: alcuni preferiscono un approccio più formale, altri prediligono l’interazione faccia a faccia. Fai delle ricerche su come le persone del posto cercano lavoro e valuta se sarai in grado di trovare qualcosa da solo (e da lontano) o se dovrai rivolgerti a un reclutatore o un’agenzia.

8. Studia come scrivere CV e lettere di presentazione

Ora che sai come trovare lavoro, devi preparare tutto il necessario: sulla base del tuo Paese di destinazione e del tuo settore, adeguati alle regole di layout e di contenuto per redigere CV e lettera di presentazione. Assicurati di inserire i dettagli personali generalmente richiesti e di allegare eventuali documenti e lettere di raccomandazione.

9. Informati su eventuali diplomi e certificazioni

A seconda della tua istruzione, competenze ed esperienze lavorative, ti potrebbe essere richiesto un diploma o un certificato (linguistico) aggiuntivo. Cerca i requisiti del lavoro e impara come, dove e quando puoi ottenere i documenti necessari. Questo potrebbe comportare una maggiore spesa di tempo e di denaro per raggiungere il tuo obiettivo. Se hai bisogno di ottenere una certificazione del tuo livello di inglese, il test gratuito EF SET è un buon punto di partenza (trovi qui maggiori informazioni info su quale esame di inglese sostenere).

10. Sii pronto ad affrontare le novità

Esplorare qualcosa di nuovo, iniziare un nuovo capitolo della tua vita e ampliare i tuoi orizzonti sono, si spera, alcuni dei motivi per cui vuoi lavorare all’estero. Sicuramente lo hai già messo in conto, ma vogliamo ricordartelo: sii preparato alla possibilità di provare un po’ di shock culturale, di fare i conti con la nostalgia di casa e con alcune domande che solo con il passare del tempo troveranno risposta. Saranno tutti segnali del fatto che stai crescendo e stai creando dei ricordi che ti accompagneranno per tutta la vita.

11. Prepara un piano B

Non vogliamo certo spegnere il tuo entusiasmo, ma – come viaggiatore del mondo – sai che è sempre consigliabile avere una strategia alternativa nel caso in cui le cose non dovessero andare secondo i piani. Per esempio, rifletti sul periodo di tempo che puoi permetterti di trascorrere all’estero senza avere un lavoro. Non solo: sarà importante definire quanti soldi vuoi risparmiare e destiinare a una sorta di fondo di emergenza per i “periodi no”.

12. Provaci

Se non ora, quando?

Preparati ad un futuro internazionaleEF Edux

Vuoi studiare una lingua all'estero? Ordina un catalogo gratuito

Maggiori dettagli