Storie dalle nostre scuole internazionali

I “Friends of Philosophy” di Oxford: moralità ed etica da Blackwell’s

Una vita senza esami non è degna di essere vissuta – Socrate.

In questo spirito, i “Friends of Philosophy” di EF Academy Oxford hanno organizzato una serata in cui ascoltare una delle lezioni pubbliche della Brookes University – la lezione è stata tenuta dal Professor Robert Stern dall’Università Sheffield sul tema della moralità: “Troppo esigente? Cosa ci vuole per agire moralmente?”

Sono stati circa venti gli studenti che hanno preso parte alla lezione insieme al Professor Leo Bowder, insegnante di filosofia ad EF Academy Oxford, che attualmente sta scrivendo un libro di testo in materia per il programma IB Diploma.

L’evento si è tenuto alla famosa libreria di Oxford, Blackwell’s, che ha condotto la serata così: ” Peter Singer ha affermato che così come una persona è in dovere di aiutare chi di fronte a lui è in pericolo di vita, allo stesso modo quella stessa persona ha il dovere di aiutare qualcuno che sta morendo di fame dall’altra parte del mondo; le critiche che questa affermazione ha sollevato sono state molte, tutte hanno ruotato attorno al fatto che questo modo di pensare rende la moralità troppo esigente”.

Emma Jaffè, studentessa italiana al primo anno di IB, ha affermato “Durante questo dibattito, i principali temi sono stati la moralità e l’etica. Abbiamo affrontato alcune idee incredibilmente importanti del famoso filosofo etico Peter Singer. Ciò che lui afferma è che se siamo in grado di fermare alcuni brutti episodi, allora dovremmo agire, se non ci richiede di sacrificare qualcosa con un comparabile valore morale. Nella discussione, è stato nominato anche Immanuel kant – secondo lui, la beneficenza è un dovere imperfetto: non ha mai fine”.

“Knud Ejler Løgstrup – un non utilitarista, disse che ‘la caratteristica fondamentale dell’esistenza umana è che siamo creature vulnerabili e interdipendenti, è per questa interdipendenza che dobbiamo aiutarci l’un l’altro’”.

Peter Grinde-Hollevik, studente norvegese di IB Diploma, ha riflettuto “La discussione di ieri sulla morale, ha davvero suscitato in me dei sentimenti. La tesi principale è stata presentata come segue ‘In quale momento morale ed etica diventano troppo esigenti?’ Il professore ha portato ad esempio altri tre filosofi che condividevano molte idee ma ne avevano anche altre contrastanti. Il momento in cui il contrasto di idee si è visto di più, è stato quando è stato fatto l’esempio di affogare un bambino in uno stagno. Usando le tesi di tre filosofi – Peter Singer, Knud Ejler Løgstrup, Kant – il pubblico ha potuto fluttuare tra pensieri più o meno moralisti. Dovremmo sempre salvare un bambino che affoga? Alcuni hanno affermato di no. [Per lo meno, la risposta è stata negativa rispetto all’aspetto caritatevole]”.


Il prossimo dibattito del Blackwell Philosophy sarà “Cosa rende la vita bella”? – e i Friends of Philosophy non vedono l’ora di scoprirlo!

Condividi questo articolo