Storie dalle nostre scuole internazionali

Future Friday con Stefanie von der Thannen

Stefanie von der Thannen della EF Academy Torbay si è diplomata nel 2016 e ha vissuto nel Regno Unito e ora frequenta l’Università di Surrey. Stefanie sta studiando Scienze biomediche e spera di andare avanti nella ricerca. Leggete per scoprire come si svolge un giorno normale per lei e qual’è la sua parte preferita della vita universitaria:

Età: 20

Paese: Austria

Lingue: Tedesco e inglese

Campus EF Academy: un anno a Oxford e il secondo anno a Torbay

Programma: IB

Anno Diploma: 2016

Club preferito: Keen (Oxford) – abbiamo trascorso tempo con bambini con disabilità, abbiamo giocato con loro e a volte andiamo a pattinare sul ghiaccio o nuotare tutti insieme; Cooking Club con Joan perché il cibo è incredibile ed è un’attività fantastica da fare con gli amici. 

Materie preferite: Università di biologia: Studiare Scienze Biomediche presso l’Università di Surrey

Quale è stata la tua prima impressione della EF Academy?

Tutto aveva un aspetto super vivo, pieno di gente, si respirava un’aria vivace e mi sono divertita sin da subito. Tutto era così aperto! Ho deciso che volevo andare all’Università in Inghilterra, così ho pensato che sarebbe stata una buona idea frequentare il liceo lì per abituarmi al sistema scolastico del paese. Poi ho conosciuto EF ed EF Academy e sono partita senza esitare!

Ti sei divertita a vivere nella residenza?

Mi è piaciuto condividere tutto con le altre persone della residenza, loro saranno miei amici per sempre. C’erano zone comuni dove ci incontravamo in diversi momenti della giornata. Questi spazi mancano se si vive presso famiglie ospitanti. Inoltre l’ambiente era molto tranquillo, ho sempre trovato qualcuno pronto ad aiutare nel momento del bisogno.

Cos’hai trovato emozionante del programma IB?

Che ho potuto fare così tante cose diverse. C’erano così tanti argomenti diversi e anche le parti di teoria della conoscenza e CAS. Mi è piaciuto il CAS perché ho potuto fare diverse attività importanti per il mio diploma, ad esempio nuoto, volontariato presso un rifugio per senza tetto, un lavoro presso Keen, ho fatto anche parte del Club di teatro. Facendo così tante cose le mie giornate erano molto impegnative: ho avuto un sacco di lavoro, soprattutto quando si è aggiunta la tesina finale.

Come hai scelto l’Università e il programma?

Volevo fare medicina ma ho qualche difficoltà con le “cose grandi”… Infine la mia voglia di aiutare le persone mi ha portato a scegliere ricerca. Scienza biomedica è medicina senza l’interazione con i pazienti. Ho scelto la Surrey perché è una buona università, è vicino Londra, ed ha un grande campus. Questo è quello che stavo cercando: un’università con un campus vicino ad una grande città. Finora sono molto soddisfatta della mia decisione.

Hai fatto qualche stage che ha inciso sul tuo piano studi o sul piano di carriera?

Ho fatto uno stage presso una farmacia, uno presso un laboratorio di diagnostico in un ospedale e uno in un ospedale di ricerca di Innsbruck. Il laboratorio di ricerca mi ha insegnato molto; questo è quello che voglio fare nella vita. Vorrei consigliare a tutti di fare stage perchè sono ottimi per la crescita personale e per arricchire il CV.

Qual è la tua parte preferita dell’università?

Incontrare persone diverse da tutto il mondo. Amo il fatto che qui siano rappresentate tante nazionalità. Ci sono molti club e sempre qualcosa da fare. Io ho scelto squash, surf e go-kart. Conosci tante persone e tutti sono così aperti. Non è mai stato così facile fare amicizia!

Descrivi un giornata normale …

Mi alzo alle 7 del mattino, mi preparo, vado a lezione e poi pranzo. Di solito finiamo intorno alle 3 o alle 5 del pomeriggio. Poi a volte vado in palestra o torno a casa per studiare. A volte ci sono incontri con i membri dei club. Di solito il mercoledì gioco a squash.

Quali consigli daresti agli studenti attuali?

Non passare tutto il tuo tempo a studiare, esci e fai esperienze. Godetevi ogni momento perché vi mancherà tutto quando sarete laureati, anche le cose che oggi vi disturbano.

Di cosa sei più orgogliosa?

Guadagnare il mio punteggio IB Diploma ed entrare nell’università che volevo.

Qual è il tuo sogno per il tuo futuro?

Attraverso la mia professione spero di aiutare le persone. Se sono malati, voglio dare loro una migliore prospettiva per il futuro. Vedremo dove mi porterà la vita! 

Condividi questo articolo