Le ultime notizie su viaggi, lingue e cultura da EF Education First
Menu

10 cose da sapere prima di tarsferirti a Malta

10

La voglia di viaggiare sta iniziando a farti impazzire? Se hai sempre sognato di prenderti una vacanza più lunga del solito in un luogo dove il sole non smette (quasi) mai di splendere, questo è un ottimo momento per iniziare a pianificarla.

Malta, perla del Mediterraneo tra la Sicilia e la Libia, evoca visioni di edifici storici, acque blu scintillanti, cibi sfiziosi e feste tradizionali. È ciò che ci viene subito in mente pensando a Malta. Ma cos’altro dovresti sapere prima di trasferirti in questo magnifica destinazione, magari per studiare a Malta? Ecco 10 cose da tenere a mente.

1. A Malta si parla l’inglese

Tutti i segnali, le comunicazioni ufficiali e le pubblicità sono scritti in inglese. Quindi, se il tuo inglese è abbastanza solido, te la caverai senza problemi. Se però hai intenzione di rimanere a Malta per un periodo di tempo più lungo di qualche settimana, la gente del posto apprezzerà molto i tuoi sforzi per imparare il maltese, un dialetto arabo che ha le sue radici in Sicilia e che nel tempo si è contaminato con inglese, francese e italiano.

2. Il sole abbonda

Con oltre 300 giorni di sole all’anno, Malta è sicuramente un’idea molto seducente. Tuttavia, vivendo lì, cerca di adottare comportamenti intelligenti: applica la protezione solare e indossa un cappello a tesa larga. Le estati maltesi sono calde e umide, mentre gli sono inverni freddi e umidi. Tieni presente che è improbabile che il tuo appartamento sia isolato o abbia il riscaldamento centralizzato, quindi il freddo invernale potrebbe essere pungente. Preparati per la stagione fredda con una giacca antivento per le passeggiate sulla spiaggia.

3. Soluzioni abitative

Nel tempo Malta ha sviluppato molti nuovi progetti abitativi, quindi trovare un posto dove vivere non dovrebbe essere troppo difficile. I prezzi degli affitti a Malta sono più economici rispetto alla media delle destinazioni europee, ma ci sono comunque quartieri – Sliema, St. Julian’s, Gżira e Msida – che tendono ad attrarre gli espatriati: qui i prezzi sono tendenzialmente più alti. Se volete rispariare sull’alloggio, cercate un po’ fuori da queste zone, oppure programmate il vostro arrivo a Malta in autunno o in inverno, in modo da evitare gli aumenti di prezzo degli affitti durante l’alta stagione turistica.

4. Trasporto pubblico

Malta è piccola e il suo trasporto pubblico fa affidamento sugli autobus, che sono stati sostituiti recentemente e ti porteranno in tutti i luoghi che desidererai esplorare, compresi i viallaggi più piccoli. Questo non vuol dire che le corse siano sempre puntuali o super veloci. Preparati a rilassarti e ad ammirare lo scenario mentre il tuo autobus si snoda lungo strade tortuose e fa numerose fermate. Potrai ritirare la carta Tallinja per usufruire di viaggi a 0,75 euro, con un tetto massimo mensile di 26 euro: una tariffa particolarmente conveniente nel lungo periodo!

5. Guidare a Malta

Curiosamente, a Malta ci sono molte macchine. Quindi, se hai intenzione di metterti al volante, fai attenzione: guidare a Malta è un po’ una sfida. I conducenti possono essere reticenti nel dare la precedenza e gli ingorghi spesso bloccano le strade strette che collegano i villaggi. Per la maggior parte delle nazionalità, la patente di guida straniera è accettata fino a un anno, mentre gli espatriati dall’UE, dalla Svizzera e dall’Australia possono richiedere una patente maltese.

6. Il vivace brusio di sottofondo

Malta è un’esperienza sensoriale a 360 gradi. Con circa 450.000 persone concentrate in un’area 22 volte più piccola dell’Irlanda, ha un’energia vibrante e vivace. Tale vivacità racchiude anche suoni meravigliosi: le campane delle chiese, i racconti dei locali, le chiacchiere dei venditori e dei passanti. Cattura questi suoni e prova a cogliere qualche parola di slang locale qua e là.

7. Burocrazia

I settori del turismo e dell’hospitality sono molto sviluppati e i posti di lavoro di livello base sono generalmente abbondanti. Avrai comunque bisogno di un contratto di lavoro per ottenere il tuo numero di previdenza sociale e la carta di soggiorno, che ti permetteranno di aprire un conto bancario. Altrimenti, l’apertura di un conto corrente locale potrebbe non essere così semplice: assicurati di fare le tue ricerche in anticipo.

8. Assistenza sanitaria

Il sistema sanitario pubblico gratuito di Malta è stato modellato sulla base dell’NHS del Regno Unito, e gli espatriati che lavorano a Malta possono aderirvi, una volta dotati di un numero di previdenza sociale e di una carta di soggiorno. L’assistenza sanitaria privata è generalmente poco costosa e più veloce. I cittadini extra UE dovranno stipulare un’assicurazione medica privata, ma gli australiani scopriranno che alcuni servizi sanitari sono coperti dall’accordo tra il loro Paese e Malta.

9. Sicurezza

Come nella maggior parte delle principali destinazioni turistiche europee, è meglio stare attenti ai propri effetti personali ed essere particolarmente vigili soprattutto la sera, se si visitano le zone più turistiche. In ogni caso, Malta gode di un tasso di criminalità violenta molto basso e l’atmosfera è generalmente sicura e amichevole.

10. Uno stile di vita “isolano”

A Malta ti scontrerai con uno stile di vita isolano: la gente del posto vive secondo ritmi molto rilassati, e la giornata non è rigidamente scandita da programmi da rispettare e routine stringenti. Anche se inizialmente questo ti sembrerà strano e disorientante, il consiglio è di rinunciare al controllo e lasciarti trascinare dallo stile di vita locale.

Scopri Malta con un corso di ingleseScopri di più

Vuoi studiare una lingua all'estero? Ordina un catalogo gratuito

Maggiori dettagli