Storie dalle nostre scuole internazionali

Come superare l’impatto iniziale

Inutile negarlo, l’impatto iniziale sarà abbastanza traumatico. Sentirai immediatamente la mancanza di casa e di tutte quelle abitudini che, inconsciamente, davi quasi per scontate. Ma non temere, anche tu, come molti altri prima, riuscirai a superare i momenti difficili e a fare della tua esperienza internazionale un’esperienza di vita. Come, ti chiederai? Semplice, con questa guida pratica su come superare le difficoltà iniziali. Ho pensato che fosse utile condividere questi brevi punti in quanto, anche io,  prima di te, attraverso un’esperienza internazionale, ho dovuto affrontare i primi problemi iniziali. Quindi eccoci qua:

 

Non aver paura di sbagliare

Paese nuovo, cultura nuova e molto probabilmete lingua nuova. Non temere se non capisci molte cose all’inizio della tua avventura, è normale. Non aver paura di sbagliare perchè è solo grazie agli errori che si può migliorare ed apprendere di più. Sbaglia, cadi, rialzati ed impara.

Chiedi sempre (anche più volte)

Se non capisci al volo tutto ciò che ti viene detto, allora sei umano. Ecco perchè è meglio chiedere nuovamente delle spiegazioni finchè non si è capito tutto. Chiedi parole nuove di cui non sai il significato, chiedi di possibili regole che magari dai per scontate e chiedi delle usanze più particolari del posto. Non farti riguardi e non vergognarti, richiedere ulteriori informazioni ti aiuterà solo a superare più velocemente l’impatto iniziale.

Socializza e interagisci

Credo sia quasi scontato, ma meglio ribadire il concetto. Socializza! Vai e conquista, esci dalla tua comfort zone e cerca di conoscere il maggior numero di persone possibili, interagendo con nazionalità e culture diverse. Il mondo è bello perchè vario, giusto? Allora, non esiste modo migliore per superare l’impatto iniziale di creare nuove amicizie, esplorando costumi e abitudini diversi. Ci sono un’infinità di modi per conoscere persone nuove: dal socializzare con i compagni all’aderire ad attività extracurricolari, dalla partecipazione ad eventi organizzati dalla scuola all’unirsi a qualche squadra sportiva.

Divertiti: stai facendo qualcosa di unico

“Non tutti hanno la possibilità di fare esperienze del genere”. Mi sono sempre ripetuto queste parole durante la mia esperienza e credo che mi abbiano aiutato non poco nell’apprezzare la mia avventura. Divertiti e sorridi. Cerca di trarre vantaggio da ogni opportunità che ti capita e goditi la tua avventura. Casa può mancare, ma è importante che ti ricordi  il motivo per cui hai deciso di intraprendere questo viaggio, che non dura un anno o due, ma un’intera vita. Perchè chi decide di iniziare questo percorso, raramente ne torna deluso o scontento, ma arricchito di ricordi e nuove amicizie internazionali.

 

Ora che sei pronto a partire, non posso che augurarti buona fortuna e buon divertimento. Ci rivediamo tra poco in giro per il mondo.

Condividi questo articolo