Storie dalle nostre scuole internazionali

Genitori Coraggiosi – Gabriella Grasso, mamma di Elettra Favazza

Buongiorno a tutti, sono Gabriella Grasso e mia figlia Elettra è attualmente studentessa al primo anno di IB Diploma a EF Academy Torbay.

Ho conosciuto EF Academy tramite i cataloghi e per “passaparola”, del resto EF è forse la realtà più conosciuta e referenziata del settore. Ma soprattutto l’ho conosciuta grazie alla voglia che ha sempre avuto mia figlia di  fare esperienze all’estero. Elettra si teneva costantemente informata tramite internet e mi parlava sempre di EF Academy.

Elettra ha fatto la sua prima esperienza estiva in un college inglese all’età di 11 anni, da quel momento ha deciso che quella sarebbe stata la sua strada. Io non ero d’accordo e le ho fatto frequentare il liceo nella nostra città ma Elettra continuava a desiderare il percorso inglese. Abbiamo così deciso di fare un colloquio con EF Academy e, nonostante mia figlia avesse solo 15 anni e le tante paure di lasciarla partire, mi sono convinta che fosse il percorso giusto per lei. Con il passare del tempo e con ulteriori colloqui conoscitivi ed informativi le mie paure diminuivano sempre più, grazie anche alla prontezza nelle soluzioni e nelle risposte da parte del team di EF Academy.

Adesso Elettra frequenta la scuola superiore internazionale EF Academy a Torbay, ottenendo splendidi risultati. Mi dice che la scuola offre molto sia in termini di studio che di attività extrascolastiche. Vedo mia figlia entusiasta e sempre più matura. Ci sentiamo quotidianamente, ci raccontiamo di tutto e ci sentiamo legate come e più di prima.

Quando pensiamo che i nostri figli non siano pronti per un’esperienza del genere, sono solo le nostre paure a parlare. Vedo mia figlia diventare una piccola donna a 16 anni, con le idee sempre più chiare, prendere scelte sempre più consapevoli.

Altro punto a favore di EF Academy Torbay è l’incontro con tante culture diverse dalla nostra. Vivere con ragazzi di nazionalità e religioni diverse li prepara alla convivenza, alla tolleranza e alla fratellanza con chi è “diverso”. Credo che questo sia un elemento importante per la costruzione di un mondo migliore.

Condividi questo articolo