Le ultime notizie su viaggi, lingue e cultura da EF Education First
Menu

Italia: fanalino di coda dell’Europa

Italia: fanalino di coda dell’Europa

Oltre un miliardo di persone parlano inglese come prima o seconda lingua e molte altre centinaia di milioni come terza o quarta. Per le imprese in espansione, i giovani laureati, gli scienziati, i ricercatori e i turisti di tutto il mondo, il livello di conoscenza dell’inglese allarga gli orizzonti, riduce le barriere e accelera lo scambio di informazioni. Nella edizione 2021 dell’Indice di Conoscenza della Lingua Inglese EF EPI, il più ampio rapporto internazionale sulla padronanza dell’inglese fra gli adulti nel mondo, i dati che emergono sul Bel Paese sono allarmanti: l’Italia incassa infatti un’altra sconfitta contro Francia e Spagna.

La situazione in Europa

In Europa si registra il livello di conoscenza dell’inglese di gran lunga più alto rispetto a qualsiasi altra regione e la comunicazione rapida e semplice rafforza i legami tra europei, allo stesso modo degli scambi studenteschi, dei viaggi e della mobilità dei lavoratori.

I Paesi con il livello più alto di conoscenza dell’inglese in Europa si trovano in Scandinavia, ma il numero di Paesi con una conoscenza elevata in tutta la regione è cresciuto ogni anno dal 2017. Delle quattro maggiori economie dell’eurozona, soltanto in Germania si parla bene l’inglese. Francia, Spagna e Italia sono in ritardo rispetto a quasi tutti gli altri stati membri.

Inoltre nel mondo, gli adulti sopra i 30 anni sono migliorati in modo significativo rispetto all’anno scorso e i quarantenni per la prima volta raggiungono il livello di competenza medio. E, per la prima volta, gli uomini superano le donne nella padronanza dell’inglese.

Non tutti però riescono a tenere il passo

I livelli di conoscenza dell’inglese stanno aumentando nell’Unione Europea, con un numero mai visto prima di Paesi posizionati nel livello di conoscenza Alto: i punteggi ottenuti dalla Francia sono migliorati negli ultimi anni, ma Spagna e Italia sono ancora indietro rispetto al resto dell’UE.

In Italia, due dati che confermano questo scenario e dovrebbero far riflettere sono: la variazione del punteggio EF EPI rispetto allo scorso anno di 12 punti e la diffusione di Internet che raggiunge solo il 74,4% della popolazione.

Il Bel Paese fa fatica a crescere

L’Italia si classifica al 35° posto nella classifica mondiale, con un punteggio EF EPI 535, segnalando un peggioramento a livello nazionale che fa perdere al nostro Paese 5 posizioni rispetto al 2020.

Nel nostro amato stivale inoltre, quest’anno nessuna regione ha raggiunto un alto livello di conoscenza della lingua inglese, a differenza del 2018 quando Lombardia, Emilia Romagna, Friulia Venezia Giulia e Veneto rientravano nella fascia di livello superiore. Questo livello di competenza, indica che in media gli italiani che parlano l’inglese sono in grado di partecipare a meeting, comprendere le parole delle canzoni e scrivere email professionali su argomenti di uso comune.

Nonostante questo però, il nostro livello di conoscenza della lingua inglese è ancora troppo basso per affrontare interazioni efficienti e potrebbe essere un ostacolo all’espansione di business e collaborazioni internazionali, rallentando così la crescita totale del nostro Paese.

Come migliorare nel futuro?

Ci sono molte iniziative che l’Italia potrebbe mettere in atto per migliorare e piazzarsi più in alto nella classifica dei Paesi che possiedono una miglior conoscenza e competenza della lingua inglese. È fondamentale però che ognuno di noi si prenda la responsabilità di cambiare il proprio atteggiamento nei confronti dell’apprendimento di una lingua straniera, contribuendo così anche al generale miglioramento del Paese.

Migliora il tuo futuro studiando una lingua all'esteroScopri di più

Condividi questo articolo

Ultimi articoli dal Lingue