Le ultime notizie su viaggi, lingue e cultura da EF Education First
Menu

La Festa del Papà in giro per il mondo: ecco come si festeggia

La Festa del Papà in giro per il mondo: ecco come si festeggia

Ogni anno in Italia il 19 Marzo si celebra la Festa del Papà che vengono coccolati e viziati dai loro figli con regali e dolci bigliettini. Come mai si festeggia proprio in questa data? E sarà così anche nel resto del mondo? Durante alcuni dei mie viaggi studio all’estero, mi è capitato di scoprire qualcosa di interessante riguardo a questa particolare festività.

Origini

Il motivo di questa scelta è in realtà religioso, in quanto, il 19 Marzo è la festa di San Giuseppe, padre di Gesù e simbolo della figura paterna. Nel 1871 la Chiesa Cattolica proclama San Giuseppe protettore dei padri di famiglia e patrono della Chiesa. Si pensa, inoltre, che questa fosse la data in cui i romani festeggiavano i Baccanali: feste propiziatorie dedicate al divinità della giovinezza e della sregolatezza.

Tradizioni

In quasi tutta Italia, ma soprattutto al Sud, c’è una tradizione ricorrente per la festa del papà: si preparano le frittelle e si organizza un falò. Il fuoco del falò simboleggia il passaggio dall’inverno alla primavera e in molte regioni meridionali viene bruciato un fantoccio, la «vecchia». Le zeppole, invece, sono delle frittelline ripiene di crema pasticcera tipiche della cucina napoletana. Il dolce risale all’Antica Roma, in quanto il 17 marzo si celebravano i Liberalia e, in occasione del sedicesimo anno di età di un ragazzo, tutta la famiglia usciva per strada, dove le sacerdotesse offrivano frittelle di frumento con miele.

Vediamo invece come si festeggia questa ricorrenza in giro per il mondo!

Stati Uniti

Al contrario dell’Italia, negli Stati Uniti la festa del papà si festeggia, a partire dal 1966, le terza domenica di Giugno così come in altri paesi come Gran Bretagna, Irlanda, Francia e Paesi Bassi. Sorprendentemente è associata ad una figura femminile: la signora Sonora Smart Dodd, residente nello stato di Washington. Nel 1909, dopo aver ascoltato un sermone in occasione della festa della mamma, le venne in mente organizzare la festa di compleanno del padre, un veterano della guerra di secessione americana. Decise poi di rivolgersi alle istituzioni per ufficializzare la festa e farla coincidere con il compleanno del padre; così il 19 giugno 1910, fu celebrata la prima Festa del Papà in suo onore. Tuttavia, la ricorrenza venne riconosciuta ufficialmente con una legge solo nel 1972 dal Presidente del Congresso degli Stati Uniti d’America, Richard Nixon.

Russia

In Russia si festeggia il 23 febbraio, in occasione della Festa dei difensori della patria e in molte città si organizzano delle vere e proprie competizioni per accaparrarsi il titolo di miglior papà. I festeggiamenti sono particolarmente sentiti nella capitale del paese, Mosca, dove ogni anno dal 2014 viene organizzato un evento che si chiama Papa Fest. Durante questo evento gratuito viene allestito un palco per premiare i padri di famiglia che hanno contribuito in maniera particolare all’educazione dei figli. Inoltre, vengono programmati vari momenti di intrattenimento con spettacoli e interviste a personaggi di spicco nel mondo culturale, artistico e didattico. Anche se in Russia la festa del papà non è riconosciuta a livello ufficiale, è comunque molto amata e sempre più città organizzano eventi ed iniziative per festeggiare.

Germania

In Germania questa ricorrenza non viene festeggiata il 19 marzo, ma coincide con il giorno dell’Ascensione, quaranta giorni dopo Pasqua, e viene chiamata Männertag cioè “giorno degli uomini”. È tradizione che gruppi di uomini e padri di famiglia vadano in giro per le loro città sui Bollerwagen, ovvero dei carretti carri pieni di cibo e bevande. La cosa migliore quindi? Visitare il paese durante quel periodo, approfittando dell’occasione per vivere un’esperienza davvero particolare. Magari imparando una lingua con un corso di tedesco in Germania.

Scopri le tradizioni della festa del papà con un soggiorno studio all'esteroScopri di più

Condividi questo articolo

Ultimi articoli dal Cultura