ARCHEOLOGIA A MALTA

I templi megalitici di Malta risalgono al 3500 a.C., sono quindi più antichi delle piramidi egizie e di Stonhenge. Sono una quindicina quelli che si possono ancora visitare sparsi nell’arcipelago e hanno caratteri di unicità davvero interessanti.

IL TEMPIO TA' ĦAĠRAT

Il tempio Ta' Ħaġrat si trova vicino a Mgarr, ed è uno degli edifici religiosi più antichi al mondo.  Il ritrovamento di ceramiche intorno al tempio mostra che intorno vi si trovasse un villaggio costruito sulla roccia calcarea che contraddistingue l’area. La costruzione di compone di due edifici, uno più grande e uno minore, entrambi diversi da altri edifici di origine neolitica presenti su Malta. Non presentano decorazioni interne, ma molti artefatti sono presenti.

I TEMPLI DI TARXIEN

I templi di Tarxien si trovano vicino alla località omonima e risalgono al 3000 a.C circa. Si tratta di tre strutture separate ma attaccate l’una con l’altra. Le strutture presentano complessi lavori in pietra, altari e decorazioni raffiguranti animali domestici in rilievo che mostrano un elevato livello di tecnica acquisito dai realizzatori di questi templi. La loro funzione era prettamente religiosa, e venivano usati per rituali che includevano il sacrificio di animali. Il sito è stato anche utilizzato come crematorio in età del bronzo.

IL TEMPIO DI TAS-SILĠ

Il tempio di Tas-Silġ si trova vicino a Zejtun, e domina la Baia di Marsaxlokk. Si tratta di una struttura religiosa che testimonia tante diverse epoche di utilizzo. Il primo periodo sembra essere del 3000-2500 a.C., come dimostrato dalle ceramiche e gli artefatti ritrovati nella zona. Si ravvisa un utilizzo in epoca del bronzo. Il tempio punico sostituì quelli precedenti e nel quarto secolo a.C. un monastero si sovrappose ulteriormente.