CARAVAGGIO A MALTA

Malta fu teatro di uno degli eventi pià misteriosi e affascinanti della storia dell'arte: gli ultimi movimentati giorni della vita di Michelangelo Merisi da Caravaggio, detto Caravaggio.

A Malta Caravaggio arrivò nel 1606 in seguito all'accusa di omicidio avvenuto a Roma di un uomo, forse suo rivale in amore, e per il quale venne posta una taglia. Trovò asilo sull'isola presso i cavalieri della Croce di Malta, e forse provò a ottenere la grazia da Alof De Vignacourt, Gran Maestro dell’Ordine all’epoca. Non si hanno notizie del perdono ottenuto, ma si sa che Caravaggio divenne Cavaliere dell’Ordine, e per esso fece diversi lavori di fondamentale importanza per il proprio cammino artistico e personale, e certamente per la storia dell'arte, come La Decapitazione di San Giovanni Battista e il ritratto di Alof de Vignacourt e la sua corte. Ma si sa anche che nel 1608 venne arrestato, imprigionato, ed espulso dall’ordine. Le circostanze  di tale evento rimangono misteriose ma si suppone che si tratti di una nuova lite in cui un Cavaliere rimase gravemente ferito. L'avventuroso artista riuscì però a fuggire da Malta nell'agosto del 1608 e da questo momento le tracce di Caravaggio si perdono su Malta, il fuggiasco si diresse verso la Sicilia ma lasciò a La Valletta molti segni della sua presenza che oggi arricchiscono di un valore inestimabile il patrimonio artistico dell’isola.

Caravaggio lasciò a La Valletta molti segni della sua presenza che oggi arricchiscono di un valore inestimabile il patrimonio artistico dell’isola.

DOVE TROVARE LE OPERE DI CARAVAGGIO A MALTA?

Nella Cattedrale di San Giovanni, a La Valletta, si possono ammirare il San Girolamo, la Decapitazione di Giovanni Battista e l’Amorino dormiente.